Gnocchi fritti di pasta madre

E’ arrivata l’ora che sveli le carte! Io sono una golosa, golosissima… Quando si dice peccato di gola? Sì, lo faccio spesso…
Inversamente a quanto si pensi di solito, però, non sono ghiotta di dolci (che comunque mi piacciono eh!), ma soprattutto di sfizioserie salate e, ancora di più quando si tratta di patate o di lievitati.
Insomma, tra una fetta di torta e un pezzo di focaccia, è più facile che scelga quest’ultima. Se poi, il lievitato in questione viene anche fritto e servito con qualche altra golosità salata, non posso proprio dire di no!  
In questo contesto era più che ovvio che cercassi qualunque modo possibile per sfruttare la mia pasta madre in direzione “peccati di gola”.
Fin ora di sfiziosità ne ho fatte già diverse con la bimba di casa (sempre lei eh, la pasta madre), per esempio i paninetti ripieni dolci e salati, i grissini alle olive o la pizza di pasta madre. Adesso però ho toccato anche la frontiera del fritto e non poteva essere che amore al primo assaggio.
Quindi, se avete voglia di farvi un po’ del male fisico a favore di attimi di benessere psicologico, provate a farli… e se proprio avete voglia di esagerare, si possono sempre fare dei calzoni con lo stesso metodo!

Ingredienti (x 3 persone)
Pasta madre 200gr
Sale
Farina qb
Olio per friggere

Procedimento:
In una ciotola porre la pasta madre, aggiungere il sale e qualche cucchiaio di farina (l’impasto deve comunque rimanere morbido. la farina serve solo per aggiungere il sale e ottenere un composto più lavorabile), impastare in modo da fare amalgamare il sale e stendere l’impasto in un rettangolo stretto e lungo di 5 mm circa. Tagliare la pasta in tanti triangoli.
Scaldare l’olio e, quando pronto, aggiungere i triangolini. Questi si gonfieranno e si coloriranno in pochissimo tempo. Un paio di minuti e saranno pronti. Asciugare su carta assorbente e servire subito.
Sono ottimi accompagnati da formaggi e salumi.
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.