Il secondo della Vigilia: il baccalà arriganato

-
Il baccalà è sempre stato un pesce speciale per me. Non solo perchè è tipico delle feste natalizie, ma perchè in casa mia si faceva alla Vigilia o quando mio padre non c’era. Lui non l’ha mai sopportato quando invece a me è sempre piaciuto molto più di altri pesci e anche più del merluzzo stesso “non trattato”.
Il baccalà mi piace in tutte le sue forme (se penso solo a baccalà vicentino, quello anconetano o alle famose frittelline mi lecco i baffi!!), anche se nella mia infanzia è sempre stato preparato così, con l’origano e il peperoncino.
Questa, quindi, non è solo una ricetta, ma per me è LA ricetta del baccalà e in quanto tale porta con sè un po’ di ricordi, un po’ di emozioni e adesso anche un po’ dei ricordi di bambina del Natale.
Non ho immagini particolari o chissà quanto sognanti, ma solo me e la mia mamma in cucina a preparare la cena, con il camino scoppiettante e la tavola apparecchiata in soggiorno, con le luci dell’albero di Natale che si riflettevano sulla vetrata della porta e coloravano tutto l’ambiente in penombra.
Le frittelline di cavolfiore e di zucchine che profumavano l’ambiente e Bianca (la mia cucciola di pastore maremmano) dietro il balcone scodinzolante, perchè “è festa anche per loro” (Bianca e i gatti), diceva sempre la mia mamma, e con la scusa approfittava per darle qualcosina in più, qualcosa di più goloso.
Poi si cenava, magari si tornava a mangiare la frutta secca davanti al camino, contando dalla prima all’ultima portata perchè bisognava arrivare a 13, guai se non si mangiavano 13 cose!!
Tutto fino a mezzanotte, a volte anche qualche minuto prima visto che uno sbadigliava di qua e uno di là, allora aprivamo i regali, spacchettavamo tutto e poi…. era l’ora della nanna!
Però spero che ora non vi siate addormentati…. la ricetta!!! Ricetta che come quella di ieri, nonostante tipica della mia Vigilia, è iper-rapida e semplice! 

Ingredienti:
Baccalà già “dissalato” o ammollato
Peperoncino rosso in polvere
Uno spicchio d’aglio
Una foglia di alloro
Olio evo
Origano
Olive nere

Procedimento:

Tagliare il baccalà a trancetti e porre in un’ampia padella o in una pentola bassa con olio, aglio, alloro e mezzo bicchiere di acqua. Non c’è bisogno di farlo soffriggere. Far cuocere per qualche minuto, 5-10 minuti all’incirca, la cottura del baccalà è molto rapida, e poi aggiungere le olive nere (più o meno un pugno scarso per una dose per 4 persone) il peperoncino e l’origano. Lasciare insaporire ancora un paio di minuti et voilà! Pronto! 🙂

Pochissima difficoltà, ottimo gusto!  🙂

Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.