Pasta chijna: pasta al forno calabrese

-
Pasta chijna

La pasta chijna calabrese è la pasta al forno tipica preparata con tante polpettine fritte e i formaggi tipici. Un piatto per le giornate di festa che sia inverno o piena estate!

 

Si dice che la Calabria sia terra di ingredienti piuttosto che di ricette.

Nelle ricette tradizionali, infatti, si ritrovano tanti piatti delle regioni limitrofe come il ragù che riprende la versione napoletana o il pure di favè che si rifà alla vicina Puglia.

La pasta chjina, ovvero la pasta al forno calabrese, invece, pare proprio che non esista in altro luogo ed è una ricetta molto amata per i pranzi della domenica o per le giornate trascorse all’aria aperta come le scampagnate primaverili o i pranzi in spiaggia d’estate. 

Chi ha la fortuna di averne uno a disposizione, fa cuocere la pasta chijna nel forno a legna, cottura ancora molto utilizzata per cuocere il capretto o le cuzzupe, dolce tipico pasquale.

Ancora oggi c’è chi chiede ai fornai di poter cuocere le proprie cuzzupe nel forno a legna.

Per quanto riguarda la pasta ripiena si usava cuocerla nel forno a legna in modo particolare: si chiudeva la teglia con un coperchio e poi si copriva di braci.

 

Pasta chijna2

Pasta chijna

Porzioni4 porzioni
Tempi150 min
Difficoltà
Media
Stampa ricetta
Procedimento
1

Per il sugo

Per prima cosa mettete a cuocere il sugo.

Fate rosolare uno spicchio d’aglio con un giro d’olio. Quando avrà rilasciato tutto il suo profumo unite la passata di pomodoro, coprite e lasciate cuocere a fuoco medio. Quando avrà raggiunto la temperatura abbassate a minimo e portate a completa cottura.

Regolate di sale. Se ne avete a disposizione, unitevi una foglia di basilico per profumare il sugo.

2

Per le polpettine

Intanto preparate le polpettine: mettete a bagno il pane, tritate finemente l’aglio e il prezzemolo e poi procedete con la preparazione dell’impasto.

Unite in una terrina la carne trita, i formaggi grattugiati, l’uovo, l’aglio, il prezzemolo e la mollica del panino ben strizzata.

Regolate di sale e pepe e lavorate con le mani fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Formate tante polpettine grandi quanto una biglia e poi procedete con la frittura.

Scaldate una ampia padella con un dito di olio, in Calabria anche per friggere si usa l’olio extravergine di oliva, e quando sarà ben caldo tuffatevi le polpettine. 

Fatele friggere fino a quando prenderanno un bel colore nocciola scuro. Non cuocetele troppo altrimenti con la cottura in forno si seccheranno.

Scolatele su carta assorbente e tenete da parte.

3

Per la pasta

Fate cuocere la pasta scolandola a metà cottura.  Conditela con il sugo di pomodoro e mescolate bene il tutto.

Intanto lessate anche l’uovo fino a farlo diventare sodo e, quando pronto, tagliatelo a tocchetti. Tagliate a pezzetti anche la provola e la salsiccia.

A questo punto non rimane che comporre la teglia.

Formate uno strato di pasta in una teglia da forno, cospargete con la provola, la salsiccia, una parte delle polpettine, qualche tocchetto di uovo sodo e completate con un po’ di pecorino.

 

Versatevi sopra altra pasta, condite come avete fatto per il primo strato e continuate così fino al termine degli ingredienti.

Pasta chijna1

Completate la pirofila con una spolverata di pecorino e infornate in forno caldo a 180 °C.

Fate cuocere per circa 30 minuti fino a quando la superficie prenderà colore e diventerà leggermente croccante.

Lasciate riposare per qualche minuto prima di servire.

Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *