Torta al cioccolato e amarene ricoperto di MMF

-
Era da tanto che volevo provare il Marsh mallow fondant. Avevo già fatto un esperimento qualche anno fa finito molto male…. ho fatto l’errore di fidarmi del microonde, strumento che non amo particolarmente e ovviamente il tutto è finito in una cosa immangiabile!! Una palla durissima che avrei potuto utilizzare più come arma di difesa che non per decorarci una torta!
Così, ordinati i miei marsh mallow bianchi addirittura dall’America (con la scusa che prendevo del cioccolato con Cuochella), è partita l’industria di Marsh mallow fondant casalinga.
Tra l’altro questa cosa mi ricorda un po’ le favole, che ne so, La fabbrica di cioccolato… Farla mi ha fatto sentire un po’ bambina circondata dalle sue caramelle! 🙂

Ingredienti:

Per il pan di spagna (per una teglia da 20 cm)

3 uova
105 gr di farina 00 (oppure metà 00 e metà maizena. Ho usato 35gr di farina x ogni uovo. Di solito si usano 25-30 gr per uovo, ma dovendolo farcire ho utilizzato 35gr)
105 gr di zucchero
un pizzico di sale

Per la ganache al cioccolato fondente:
150gr di panna
150gr di cioccolato fondente

Per la bagna:
Sciroppo di amarene (delle classiche amarene sciroppate)
2 cucchiai di rum
qualche cucchiaio di acqua

Per il marsh mallow fondant:

150gr di marsh mallow
225 gr di zucchero a velo
75 gr di cacao amaro
2 cucchiai di acqua

Per la composizione:
Amarene sciroppate

Procedimento:

Giorno 1: Fare il pan di spagna e il marsh mellow fondant.

Per il pan di spagna:
Montare le uova con lo zucchero e il sale a velocità più elevata per i primi minuti, e poi media per il seguente tempo fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso e, sollevando la frusta e lasciando candere l’impasto, questo “scrive”, cioè rimane impresso per qualche secondo il segno dell’impasto caduto. Ci vorranno una ventina di minuti per montarlo bene
Se non vi piace il tipico sapore di uovo, basterà eliminare la pellicola che avvolge il tuorlo e non sentirete più questo sgradevole sentore!
Unire la farina setacciata in più volte, mescolando delicatamente con una paletta dal basso verso l’alto, in modo da non smontare il composto.
Versare in una teglia precedentemente imburrata e porre in forno caldo a 170-180° per 40 minuti.
Una volta pronto spegnete il forno e attendete 10 minuti prima di tirar fuori la torta. Dopodichè aprite una fessura del forno e attendete ancora qualche minuto. Infine lasciar riposare a testa in giù fino all’utilizzo. 
Per il marsh mallow fondat:
Sciogliere i marshmallow a bagnomaria insieme a 2 cucchiai di acqua. Dopo 10 minuti dovrebbero essere completamente fusi. Spegnere il fuoco e aggiugnere immediatamente il cacao amaro e 50 gr di zucchero a velo. Sul piano di lavoro fare uno strato di zucchero con tutto il restante zucchero a velo e versarci sopra i marsh mallow fusi. Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo.
Conservare coperto da pellicola in frigorifero per 24 ore prima di utilizzarlo.
Giorno 2: preparare la crema e montare il dolce
Per la crema ganache:
Scaldare la panna a bagnomaria fino quasi al bollore. Spegnere il fuoco, aggiungere il cioccolato e far sciogliere completamente. Porre il contenitore in acqua fredda e montare con le fruste elettriche per una decina di minuti, finché non si monta . Lasciar raffreddare completamente prima di utilizzare.
Per la bagna:
Unire qualche cucchiaio di sciroppo di amarene con il rum e l’acqua.
Montaggio:
Tagliare il pan di spagna in due e bagnare ogni lato con la bagna, servendosi di un pennello da cucina.
Versare la crema ganache su un disco di pan di spagna, lasciandone qualche cucchiaio da parte. Tagliare diverse amarene  a metà e distribuitene un po’ sulla ganache. Chiudere con l’altro disco di pan di spagna e rivestire la torta con il resto della ganache.
Stendere il marsh mallow fondant in una sfoglia sottile un paio di millimetri e, aiutandosi con il mattarello, spostare sulla torta, rivestire accuratamente ed eliminare gli eccessi.
Se desiderate, potete creare delle decorazioni per abbellire la torta.
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.