☰
✕

Zucca ripiena di fonduta

- -
zucca ripiena di fonduta
L’autunno, che stagione magica. Le foglie cadono, colori caldi avvolgono la natura e le coperte tornano a scaldare le nostre notti (e anche i pomeriggi sul divano mentre scrivo post al pc 🙂 ).
Ma diciamolo, per noi foodies vuol dire soprattutto zucca, funghi e castagne. Poi ancora zucca.
Se c’è una passione che ci fa andare in estasi in massa, la zucca è decisamente la prima della lista.
Nei dolci, come contorno, per i primi, per farciture, per la pasta fresca e anche nel pane. La zucca è la regina delle nostre tavole per tutto l’autunno e, per me, anche dell’inverno visto che tendo a farne notevoli scorte. Tanto si sa, la zucca difficilmente va a male.
Zucca ripiena di fonduta
Quest’anno, in #casaPeP, la stagione tinta d’arancio ha avuto inizio con una new entry nel menù di casa: la zucca ripiena di fonduta, una ricetta calda e golosa che ha messo d’accordo tutti.
Zucca e formaggi, vi sfido a dire di no!
L’idea l’ho spudoratamente copiata da Sonia :-). Rispetto alla sua versione ho cambiato la ricetta della fonduta e la modalità di cottura della zucca.

La fonduta in questione, che è proprio quella più classica della tradizione valdostana, vi consiglio di provarla anche in abbinamento a morbidi sformati di verdure o a delicati soufflè… una coccola che non si dimentica!

Zucche

 

Zucca ripiena di fonduta

Ingredienti per 4 persone:
4 mini zucche
200 gr di Fontina
125 gr di latte
2 rossi d’uovo
20 gr di burro
pane, verdure, polenta, per accompagnare


Procedimento: 

In una pentola mettete la fontina
a temperatura ambiente tagliata a dadini, il latte e lasciate riposare un paio
d’ore.
Nel frattempo lavate le zucche e fatele cuocere in acqua bollente per 15-20 minuti, finché diventeranno più morbide e facili da tagliare. Essendo zucche molto piccole e quindi acerbe, sono molto più dure delle zucche a cui siamo abituati. La bollitura consente di ammorbidirle senza far perdere la forma.
Tagliate la calotta di ogni zucca e con un cucchiaio svuotatele della polpa.
Trascorse le due ore, mettete la pentola sul fuoco basso, unite il burro e mescolate il tutto
continuamente con una frusta metallica o un mestolo di legno, fino a che il
formaggio sarà completamente fuso.
Unite i tuorli d’uovo e continuate a cuocere mescolando per almeno altri
30 minuti fino ad ottenere un
composto omogeneo e abbastanza denso, ma non troppo.
Spegnete il fuoco e ponete la pentola a bagnomaria per mantenere la
consistenza fino al momento del servizio.
Prima di servire versate la fonduta nelle zucche, chiudete con il coperchio e servite.
Accompagnate la fonduta con cubetti di pane tostato, fette di polenta, patate bollite, polpa di zucca o le verdure che più vi aggradano.

English Version – Pumpkin stuffed with cheese fondue

Ingredients: 
4 mini pumpkins
200g Fontina cheese
125 grams of milk
2 egg yolks
20 grams of butter
bread, vegetables, polenta, to accompany



Direction: 

In a saucepan, put the cheese at room temperature, cut into cubes , milk and let it sit a couple of hours.
 
Meanwhile wash the pumpkins and cook in boiling water for 15-20 minutes, until they become softer and easier to cut. Being small and hence immature pumpkins, pumpkins are much harder than we are used to. The boiling allows you to soften then without losing its shape.
Cut the crown of each pumpkin and empty them of the pulp with a spoon.
 
When it’s spent the two hours , put the pot on low heat , add the butter and mix together continuously with a metal whisk or a wooden spoon , until the cheese is completely melted.
Add the egg yolks and continue to cook, stirring for at least another 30 minutes until the mixture is smooth and thick enough , but not too much.
Turn off the heat and place the pot in a water bath to maintain consistency until the time of service.
Before serving, put the fondue in pumpkins , close the lid and serve.

 

Serve the fondue with cubes of toasted bread, slices of polenta, boiled potatoes, pumpkin pulp or vegetables that you prefer.
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.