SpaghettOne, agretti, pomodori del Piennolo e colatura

Posso dire che oggi vi presento un primo piatto griffato. Griffato non nell’accezione negativa del termine, anzi, esattamente il contrario. Nato per caso durante una domenica mattina in cui avevo voglia di sapori della tradizione, di semplicità e sicurezze per il palato, mi sono trovata a pescare dalla dispensa prima i pomodorini del Piennolo e la colatura di alici, entrambi San Nicola dei Miri, nel frattempo ho messo su l’acqua della pasta, il sugo andava, e affacciandomi al pensile dedicato alla pasta tiro fuori gli spaghettoni, Gentile ovviamente.


Penso al “metodo Cirillo” con cui viene essiccata questa pasta e penso a quanti studi ci siano per realizzare uno spaghettone spesso ben 2,7 mm. La mente va random e poi mi soffermo sul piatto e vedo che cosa ho creato: un piatto quasi mono-marca, un piatto griffato!
Non è difficile visto che i miei pensili sembrano una pubblicità della famiglia Zampino, produttori e proprietari dei marchi appena citati. 🙂
Inizio subito con il dire che questo post non nasce da una marchetta, ma ormai lo sapete, quando incontro prodotti e produttori speciali, in grado di farmi apprezzare un prodotto per la sua qualità, ma anche per la passione e l’amore con cui viene creato, mi piace parlarne a voi e soprattutto raccontarvi il mio entusiasmo.

Ho conosciuto il pastificio Gentile e Alberto Zampino grazie ad un amico appassionato di cucina, sempre alla ricerca di prodotti di qualità e appassionatissimo della Campania. Ogni cosa che mi fa conoscere si dimostra sempre una certezza e così è stato anche in questo caso, non poteva essere altrimenti.

Vi scrivo oggi questo post perché, a distanza di pochi giorni dal mio “piatto griffato”, ho ricevuto la comunicazione della nascita di un nuovo prodotto del gruppo: l’olio extravergine di oliva!
E lì ho pensato: e questa si che completa bene il quadro!
La pasta ce l’ho, il pomodoro anche, per l’aglio e il basilico ci pensa l’orto….mancava proprio solo l’olio per creare un primo piatto con i fiocchi! 🙂

L’olio in questione, Antico Frantoio dei Grani Rossi, propone 2 qualità, entrambe monocultivar, ottenute una dalla qualità Ravece ideale per l’uso a crudo e l’altro da Ortice. Entrambe le varietà sono tipiche del territorio campano da moltissimi anni. Oggi vado in centro, mi sa che torno a casa con qualche bottiglia! 🙂

Se anche voi siete interessati a provare questi prodotti, eccovi i contatti:
Tel. 081 8013417
info@gusto-gragnano.it
www.pastagentile.it
www.conservesannicoladeimiri.it

A Milano potete acquistare tutti i suoi prodotti da Eat’s.

Ingredienti per 2 persone:
200 gr di spaghettoni Gentile
2 cucchiai di colatura di alici di Cetara
Pomodorini del Piennolo
2 pugni di agretti
Olio evo
1 spicchio d’aglio
Sale (solo per la pasta)


Procedimento: 

Iniziate a mettere l’acqua della pasta e a cuocere la pasta (soprattutto se seguite il mio esempio con gli spaghettoni Gentile e i loro 16 minuti di cottura).
In una ampia padella far rosolare l’aglio privato dell’anima in olio evo. Unire i pomodoroni e farli saltare per qualche minuto. Unite gli agretti, eventualmente aggiungete un po’ di acqua e fate cuocere. Infine, completate con la colatura di alici. 
Quando la pasta è cotta, tenete da parte qualche cucchiaio di acqua della pasta e amalgamate la pasta al sugo, aggiungendo acqua a sufficienza per non ottenere un primo asciutto. 
Servite subito. 
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.