Scialatielli, dal verbo “scialarsi”?

-
scialatelli
Conoscete il verbo “scialarsi”? Ovviamente la correlazione si è creata nella mia testa pensando agli scialatielli, protagonisti del piatto di oggi e visto il risultato finale ho pensato “Chissà se c’entra nulla con il verbo scialarsi!”
Ormai scialarsi è un termine che si sta diffondendo un po’ in tutta Italia, ma fa parte dei dialetti del Sud.
Io, che non amo nessun dialetto e non parlo neanche il calabrese, sono sempre stata una sostenitrice di questa parola. In italiano, infatti, non esiste un verbo che riesca a rendere il senso di “scialarsi” neanche lontanamente.
Scialarsi vuol dire stare bene all’ennesima potenza, uhmmm, no, non rende abbastanza…. godersi il momento, essere in un momento di piacere estremo, di benessere completo. Non so se ce l’ho fatta a descrivere bene il suo significato, ma ci si può scialare perché si passa un pomeriggio stesi sull’erba al sole, per una giornata tra amici o anche per un pranzetto con i fiocchi…. come questo qui,  pensato alle 11 del mattino e pronto in tavola per le 13.30.
Un sabato casalingo e coccoloso che è stato completato da un pranzo goloso e colorato. A volte basta così poco per scialarsi!
Il piatto, per quanto sia stato creato e completato nella mia testa proprio al mattino stesso, avevo iniziato a pensarlo da quando ho trovato al supermercato lo stracchino al latte di bufala. L’unione di acciuga e peperoni si commentano da soli, ma volevo anche una nota croccante, e quindi le briciole di pane tostate, e infine anche  un tocco vellutato, che addolcisse i sapori forti di peperoni e acciuga.
La maggiorana, l’ho “tolta” dagli scialatielli, che in alcuni casi la prevedono nell’impasto, per lasciarla a profumare il piatto finito. Mi piaceva che rimanesse un profumo e un tocco di colore e “romanticismo” al piatto. 🙂

 

Per la pasta:

400 gr di farina di grano duro
400 gr di farina 0
120 ml di latte
1 uovo
40 gr di pecorino
1 cucchiaio di olio
Sale

Per il condimento:
Mezzo peperone giallo e mezzo rosso
Una acciuga
Briciole di pane
Olio evo
Aglio e peperoncino (io amo usare questo, ha un gusto unico!)
Stracchino di bufala
Una manciata di maggiorana fresca

Procedimento:

Per la pasta:
Formare la fontana con la farina, al centro porvi tutti gli ingredienti, mescolare leggermente con una forchetta e poi impastare a mano fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciar riposare l’impasto per un’ora.
Trascorso questo tempo stendere l’impasto in una sfoglia di 2 mm e lasciarlo asciugare per una decina di minuti.

Arrotolare la sfoglia su se stessa e formare delle fettuccine di circa 8-10 mm e lunghe 10-15 cm.

 

Per il condimento:
Far rosolare l’aglio, il peperoncino e l’acciuga in olio evo. Intanto tagliare a cubetti i peperoni.
Quando l’olio è caldo disfare completamente l’acciuga rendendola crema nell’olio. Aggiungere i peperoni e far saltare a fuoco vivo per il primo minuto, poi abbassare la fiamma e far cuocere per 2-3 minuti ancora.
Mettere a cuocere la pasta.
In un padellino scaldare e far colorire le molliche di pane, aggiungere un filo d’olio evo e far assorbire rendendolo croccante.
Quando la pasta è cotta farla saltare insieme al sugo di peperoni, aggiungendo 2-3 cucchiai di acqua della pasta. Amalgamare bene e disporre nei piatti. In ogni piatto spargere un po’ di molliche croccanti, spargere qualche foglia di maggiorana e finire con una palletta di stracchino di bufala.
Stampa ricetta
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.

Commenti

26 Commenti su "Scialatielli, dal verbo “scialarsi”?"

Il 2 Maggio 2011 alle 06:25
Greta ha scritto:
Mmmmm! Io adoro il latte di bufala, l'hanno scorso ci ho fatto anche il gelato! Certo tu avrai scialato sicuramente, tra stracchino, pasta fresca, il croccante della mollica, il fresco del peperone e il sapido dell'acciuga...ho l'acquolina già a quest'ora!! Buona giornata ciao :)
Il 2 Maggio 2011 alle 06:15
Kitty's Kitchen ha scritto:
Ho degli amici calabresi che spesso utilizzavo questa parola, certo a Roma non si dice, ma rende proprio l'idea del divertimento e del gusto di far qualcosa.
OTtimo questo primo foto incantevoli!
Il 2 Maggio 2011 alle 06:52
Lydia ha scritto:
Sono napoletana, uso spesso il detto "scialapopolo evviva Agnese", ma non ho mai fatto gli scialatielli.
Mi cospargo il capo di cenere, dovrò rimediare prima o poi
Il 2 Maggio 2011 alle 06:44
Federica ha scritto:
L'idea del significato di "scialrsi" l'hai resa magnificamente con quel coccio di scialatielli: una FAVOLA! Profumati, saporiti e belli belli belli ^__^ Un bacione, buona settimana

P.S. non conoscevo questo significato di "scialarsi". Dalle mie parti "scialare" significa spendere a dismisura, sperperare!!!
Il 2 Maggio 2011 alle 07:13
I VIAGGI DEL GOLOSO ha scritto:
Una ricetta golosa la proveremo ...
un saluto dai viaggiatori golosi ...
Il 2 Maggio 2011 alle 07:19
accantoalcamino ha scritto:
Io mi "scialo" leggendoti e passando a trovarti, mi scialerei ancor di più se potessi "assaggiare".
Buona settimana Tery :-)
Il 2 Maggio 2011 alle 07:28
Babs ha scritto:
ma che brava la mia tery!!! pure la pasta mi produce! :)))))
buona settimana!
Il 2 Maggio 2011 alle 08:23
Annalisa ha scritto:
Wow che bella produzione di pasta..mangiandola poi ti sarai di sicuro "scialata" ah ah ah ah Da noi in Sicilia è un termine molto usato ;)
Il 2 Maggio 2011 alle 08:04
dolci a ...gogo!!! ha scritto:
C'è di che scialarsi con questo piatto e decisamente gustoso e saporito!!!baci imma
Il 2 Maggio 2011 alle 10:44
Nanninanni ha scritto:
Ce n'è di che scialarsi! Quoto Federica, toscana come me, scialare usato poi in forma riflessiva quì fa un effetto strano! ;-)))
Ciao
Il 2 Maggio 2011 alle 11:57
Donatella ha scritto:
Ho vissuto un pò dappertutto nel nord Italia e ti assicuro che ho sentito e usato il termine "scialarsi" abbastanza spesso, io per esempio adesso mi scialerei se potessi mangiare un piatto di questi scialatelli che hanno un aspetto a dir poco fantastico.
Il 2 Maggio 2011 alle 11:25
Cristina ha scritto:
mmmm che bontà! una pasta da scialarsi :D (Non si dice, eh??, vabè ci ho provato)
a parte gli scherzi, mi sembra ottima!
Il 2 Maggio 2011 alle 12:31
Kiara ha scritto:
Mmmmm che meraviglia di pasta!!!!!!
Il 2 Maggio 2011 alle 13:56
viola ha scritto:
hai proprio ragione, in effetti in questo piatto c'ètutto, tutto quello che ci deve essere, niente di più niente di meno, con la giusta nota romantica della maggiorana alla fine che anch'io apprezzo tanto nei piatti!
Che dire, una delizia per il palato e per gli occhi!
Bravissima. Un bacione
Smack
Il 2 Maggio 2011 alle 13:24
Amaradolcezza ha scritto:
io adoro il termine scialarsi.. i miei sono calabresi doc e per me fa parte del mio vocabolario.. come uscire la macchina e scendere la spazzatura :D

un bacione
Il 2 Maggio 2011 alle 14:06
Alice ha scritto:
uuuh che sciallo :D
una parola che mi calza a pennello...soprattutto nel massimo del relax!
passa una forchettata va'!
Il 2 Maggio 2011 alle 17:45
titty ha scritto:
Bellissima idea, mi piace molto il croccante con il cremoso!!
Il 3 Maggio 2011 alle 10:31
Tery ha scritto:
@Greta: Chissà che buono il gelato!!! Acquolina!!

@Lydia: Lo dice sempre anche la mia mamma!

@Federica: uhmmmm... speriamo che il titolo del post non faccia pensare all'accezione negativa! :P

@Accantoalcamino, Babs: :***

@Viola: Ecco, proprio una nota romantica quelle foglioline, hai perfettamente ragione!

@Tutti: Grazie per avermi fatto conoscere significati diversi e diffusione del termine! Una bella scoperta :DD
Sono contenta che la ricetta vi sia piaciuta! :)))
Il 3 Maggio 2011 alle 11:38
Ely ha scritto:
ohhhhhh mamma mia quanto mi tenta questo piatto, io adoro i peperoni e questo condimento è MERAVIGLIOSOOOOOO! baci
Il 3 Maggio 2011 alle 14:49
Tery ha scritto:
@Amaradolcezza: ahahahahhahahahahahahah!!

@Ely: Gracieee!
Il 3 Maggio 2011 alle 14:04
gaia ha scritto:
hm...scialare a milano significa sperperare ma mi piace anche l'accezione nuova e culinaria che hai dato tu!
non li ho mai mangiati gli scialatielli e non vedo il motivo per tergiversare oltre!
Il 3 Maggio 2011 alle 16:33
Damiana ha scritto:
Scialarsi con gli scialatielli è una garanzia,se poi sono preparati in questo modo,lo scialamento è assicurato!!
Tery hai fatto un piatto eccezionale,brava come sempre!!
Il 3 Maggio 2011 alle 17:53
BoccadiRosa ha scritto:
Questo piatto deve esser davvero una goduria, brava.Rileggendo la ricetta qualcosa però non mi torna. Ecco: ma i peperoni con 1 minuto di cottura a fuoco vivo e 2-3 minuti a fuoco basso rimangono semi crudi e indigesti.A te no??
Il 3 Maggio 2011 alle 21:31
Tery ha scritto:
Ciao BoccadiRosa, essendo tagliate in pezzetti molto piccoli i peperoni si sono cotti facilmente. Nonostante la breve cottura si sono cotti bene e siamo riusciti a digerirla! :)
Il 4 Maggio 2011 alle 09:22
BoccadiRosa ha scritto:
Tagliati mooolto piccoli ,9 Domenica proverò a ricopiarti la ricetta, vorrei digerirla anch'io!!
Il 4 Maggio 2011 alle 21:49
Tery ha scritto:
Fammi sapere come va e anche i tuoi tempi di cottura! Non vorrei averti sulla coscienza :))))

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *