Spaghetti alla chitarra al nero di seppia

- -
Quando torno a casa, un giro in Sila è d’obbligo. Fresca, profumata di bosco, con l’acqua fresca e buona, gli scoiattoli curiosi, il profumo delle salsicce arrostite del carretto… La Sila è stupenda, d’estate e d’inverno offre spettacoli ogni volta da lasciare a bocca aperta, basti vedere le cascate delle Valli Cupe mostrate qui. Nonostante la sua bellezza risieda molto nel suo stato brado, di cura, ma comunque selvaggio, esistono alcuni luoghi “da turista”.
Uno di questi è Camigliatello, un paesino vicino le piste da sci e molto caratteristico, fatto di negozietti bellissimi pieni di oggetti dell’artigianato del luogo, prodotti tipici e alcune sfizioserie come la bottega di Natale aperto tutto l’anno o alcuni negozi per la casa pieni di cose meravigliose (vedi la tortiera qui).
Tra le tante cose, finalmente sono riuscita a trovare la chitarra!! No no, mica lo strumento musicale!
La chitarra per fare la pasta!! Ovvio no? 🙂
Così, tornata dalle ferie, mi sono subito mossa per provare il mio nuovo aggeggio di cucina! :DD
Visto che è ancora estate, però, non avevo molta voglia di lanciarmi su un ragù o qualche altro sugo “serio” con lunghe cotture. I miei spaghetti sarebbero stati di mare e allora perchè no? Facciamoli neri!

Ingredienti per 3 persone:

Per la pasta:
300gr di farina
1 uovo
1 sacca di nero di seppia
Acqua q.b.

Per il sugo:
Una seppia tagliata a fettine
2-3 pomodori San Marzano
Qualche cucchiaio di salsa di pomodoro fresco
1 spicchio d’aglio
Pepe nero
Olio evo
Mezzo bicchiere di vino bianco
Prezzemolo

Procedimento:
Per la pasta:
Sciogliere il nero con l’uovo, e poi impastare tutti gli ingredienti aggiungendo l’acqua man mano.
Una volta ottenuto un impasto liscio e uniforme stendere la pasta in una sfoglia non troppo sottile (2-3 mm di spessore) e tagliare in rettangoli lunghi quanto la chitarra.
Porre un rettangolo per volta sopra la chitarra e passarvi sopra con il mattarello fino a che non si siano formati gli spaghetti.
Per il condimento:
Tagliare a pezzi l’aglio e farlo soffriggere in olio evo. Una volta dorato aggiungere le seppie, il pepe nero e lasciare evaporare tutta l’acqua rilasciata dalle seppie. Sfumare con il vino bianco e aggiungere la salsa.
Tagliare a pezzi i pomodori e aggiungerli al sugo. Portare a cottura (15-20 minuti). Salare e aggiungere il prezzemolo tritato. Cuocere gli spaghetti e far saltare con il condimento prima di servire.

Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.