Triglie gratinate al rosmarino e limone

-
triglie gratinate
L’ultima volta che sono tornata in Calabria, a poche ore dalla partenza per Milano, mio fratello è arrivato a casa con una enorme cassa di pesce appena pescato preso dal solito pescatore che, quando sta per arrivare in porto, lo chiama per sapere se desidera acquistare qualcosa.
Sapendo della mia nostalgia per il pesce di casa, quel “qualcosa” è diventata una cassa con ben 6-7 kg di pesci per lo più da zuppa. Ma cosa dico, urge correzione – ben 6 kg di triglie e 1 kg di qualche altra cosa adatta alle zuppe.
Triglie gratinate
In zona questo pesce è particolarmente apprezzato per le sue carni sode e polpose e – soprattutto – perché danno il meglio di sé nel fritto. A Crotone difficilmente si dice di no a un piatto di triglie fritte.
Io invece, dopo anni e anni di triglie fritte, colta da noia improvvisa, cerco di evitare il più possibile questo piatto: triglie sì, ma basta con ‘sto fritto!

 

Nella missione “come cucinare le triglie evitando le fritture” è venuta in soccorso mia zia che mi ha consigliato questa ricetta: semplicemente filetti di triglie gratinati, ma con tanti profumi freschi e mediterranei che fanno la differenza.
Il problema è che, una volta provate, mi sono trovata a sfilettare triglie almeno una volta alla settimana – fino a esaurimento scorte – su specifica richiesta del fidanzato goloso.
Provatele, ma se anche voi avete 6 kg di triglie nel congelatore da smaltire e volete evitare di farvi venire – come dire – l’occhio da triglia, vi consiglio di farlo solo quando le scorte saranno agli sgoccioli!

 

Triglie gratinate

Ingredienti per 2 persone:
800 gr di triglie
pane grattugiato
uno spicchio d’aglio
un rametto di rosmarino
2 rametti di prezzemolo
la scorza di un limone
sale e pepe nero
olio evo

Procedimento: 

Per prima cosa sfilettate le triglie: eliminate la testa e, con l’aiuto di un coltello ben affilato, eliminate le pinne laterali e dorsali,  incidete sui laterali all’altezza della lisca, per poi ricavare più semplicemente i due filetti.
A parte preparate la panatura: lavate e tritate finemente il rosmarino, l’aglio e il prezzemolo.
Grattate la scorza del limone. Unite tutti gli aromi insieme al pangrattato, sale e pepe.
Disponete i filetti di triglia in una teglia coperta di carta forno. Cospargete con il composto di pan grattato e completate con un giro d’olio che copra il più possibile le triglie.
Infornate a 200° per 10 minuti circa, fino a doratura.

 

English Version – Mullets au gratin 

Ingredients: 
800 grams of red mullet
breadcrumbs
a clove of garlic
a sprig of rosemary
2 sprigs of parsley
zest of one lemon
salt and black pepper
extra virgin olive oil


Direction: 

 

First fillet the fish: remove the head and, with the help of a sharp knife, remove the side and dorsal fins, lateral engrave on the height of the bone, and then simply get the two fillets.
Separately, prepare the breading: wash and finely chop the rosemary, garlic and parsley.
Grate the lemon zest. Combine all the spices with the bread crumbs, salt and pepper.
Arrange the red mullet fillets in a baking sheet covered with baking paper. Sprinkle with the mixture of breadcrumbs, complemente with oil that covers as much as possible the mullet.

 

Bake at 200°C for about 10 minutes, until golden brown.
Stampa ricetta
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.

Commenti

5 Commenti su "Triglie gratinate al rosmarino e limone"

Il 22 Luglio 2013 alle 07:54
Arianna Frasca ha scritto:
Mmm... che bontà questa versione alternativa con le triglie!
Il 22 Luglio 2013 alle 09:24
Mi caschi a fagiolo, ché sono sempre in cerca di ricette facili per cucinare il pesce. La tua è deliziosa e semplice. La proverò!
Il 22 Luglio 2013 alle 16:17
consuelo tognetti ha scritto:
wow hai fatto incetta di pesce fresco O_O
Questa ricetta è deliziosa, semplice ma di sicura resa..buonissima
la zia Consu
Il 24 Luglio 2013 alle 20:16
Claudette ha scritto:
L'unico problema è che qui, quasi al capo opposto di Crotone,le triglie non sono come le tue....pero la ricetta mi va bene per sardine e compagnia!
Claudette
Il 25 Luglio 2013 alle 09:29
Teresa Balzano ha risposto:
Effettivamente in questa zona si trovano triglie di scoglio niente male, però...anche con le sardine o altri pesci sicuramente sarà buonissima!! :)

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *