Gnocchi di asparagi con uova di quaglia per l’MT Challange

Dopo il mese di febbraio, nei panni di giudice per l’MTC, sommersa da danubi, la sfida di questo mese ha aperto un mondo su un piatto che personalmente trovo sfizioso e anche versatile e il mio ragazzo lo adora considerando che quando li vede tira fuori il sorrisone e riesce a sbafarsene 2 teglie in 10 minuti. Di cosa parlo? Degli gnocchi di semolino! Grazie mille Stefania per la tua magnanimità! :)))
Molti sentendo parlare di semolino probabilmente storceranno il naso, ma davanti ad un piatto di croccanti e profumati gnocchi alla romana, sono certa che nessuno disdegnerà! 
Visto questo, non potevo che cogliere la sfida con particolare fervore e partire subito alla ricerca degli gnocchi “per me”. Per la creazione sono stata aiutata dalla stagione e da un’ortaggio che amo particolarmente, gli asparagi. Che novità, eh?
Una volta scelto il primo ingrediente che va a finire direttamente nell’impasto, il secondo passo è stato pensare all’intingolo, e cosa meglio dell’uovo, abbinamento classicissimo, ma sempre gradito, che si unisce perfettamente al gusto dell’asparago? 
Per una versione più chic e da aperitivo, ho pensato ad una versione monoporzione servendo uno gnocco, con un ovetto di quaglia che ci calza su a pennello e qualche asparago per servire. 
Mentre per una versione più comoda, ho realizzato una classica teglia, con gli gnocchi leggermente accavallati e ci ho aperto su qualche uovo (sempre di quaglia) sparsi sulla superficie, una spolverata di grana et voilà, il piatto è pronto!

Ingredienti (x 4-6 persone – per uno come il mio ragazzo, anche 3!)

250gr di semolino
1 l di latte
3/4 di un fascio di asparagi + qualche asparago per decorare e accompagnare
Sale
Noce moscata
100 gr parmigiano
60gr di burro
2 tuorli d’uovo
4 uova di quaglia

Procedimento: 
Sbollentare gli asparagi precedentemente mondati e, quando pronti, frullarli per ottenere una purea.
Scaldare il latte, unirvi la purea di asparagi e, quando sta per bollire versare a pioggia il semolino, continuando a mescolare senza mai arrestarsi, per evitare di formare dei grumi. Continuare a mescolare finché il composto non si addensi e si stacchi dalla pentola. 
Spegnere il fuoco e aggiungere una noce di burro (presa dai 60 g), metà parmigiano, i 2 tuorli, sale e una grattugiata di noce moscata. Amalgamare il tutto e stendere il comporto su carta forno, livellandolo fino ad ottenere uno strato di 1 cm circa. Aiutandosi con dei coppapasta o un bicchiere formare tanti cerchi della dimensione desiderata e disporli su una teglia, accavallandoli leggermente l’uno sull’altro. 
Porre in forno a 200°. Dopo 10 minuti aprivi sopra le uova, e spolverare con il parmigiano. Accendere il grill del forno e far cuocere per altri 5 minuti. Decorare con alcuni asparagi sbollentati, una grattugiata di noce moscata e servire. 
Per la versione monoporzione, (la mia preferita!): 
Cuocere a 200° gli gnocchi stesi su un foglio di carta forno, non accavallandoli, per 10 minuti. Friggere l’uovo in una padella unta d’olio, aiutandosi con un coppapasta della stessa dimensione degli gnocchi, per dargli la forma rotonda e della giusta grandezza per la composizione del piatto.  
Disporre in ogni piatto uno gnocco di semolino e porvi su ognuno un’uovo di quaglia. Decorare con qualche asparago sbollentato, aggiungere una grattugiata di noce moscata e servire. 

E con un salutone, mando tutto alla squadra dell’MT Challange!

E ora piccola comunicazione di servizio. Qualcuno ci ha chiesto di posticipare il termine del contest “Schiscetta time“, ricordate??? 
E visto che io sono al mio primo contest (mentre Saretta al secondo 🙂 ), non posso fare già da subito la cattiva! 
Inoltre, con l’occasione anche noi avremo più tempo per riordinare tutto e valutare ogni ricetta con la giusta importanza. 
Intanto vi ringrazio per tutte le stupende ricette che ci avete inviato e per l’impegno! 
E ora…. nuova scadenza (e questa volta ultimissima!!) al 18 maggio! 
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.