Cuculli

-
Un giorno il mio ragazzo torna a casa con un ritaglio di giornale, o meglio, la fotocopia di un ritaglio di giornale, con una ricetta presa da un vecchio Corriere della Sera, di diversi anni fa a quanto pare.
Ha assaggiato per caso queste frittelline e, visto che gli sono piaciute molto, ha voluto addirittura la ricetta. Strano per lui, non è un tipo molto goloso, di ricette del genere poi…
Questo doveva voler dire qualcosa di speciale… Il piatto doveva essere buonissimo! 
Così, contenta di avere una nuova ricetta, (e soprattutto contenta del fatto che ogni tanto anche lui, il mio ragazzo che mi prende in giro per quanto sono golosa, trova qualcosa che voglia mangiare e rimangiare) prendo il fogliettino e lo ripongo con cura nel mio ricettario hand-made, consapevole che l’avrei ripresa molto presto.
E casualità vuole che proprio pochi giorni prima fossi andata al Naturasì apposta per prendere la farina di ceci. E’ una farina che mi piace particolarmente, e poi avevo anche voglia di fare una bella farinata.
Ovviamente, visto che gli ingredienti in casa c’erano, trascorsi pochi, pochissimi giorni,  ho messo le mani in pasta, anzi… in pastella! 

Ingredienti (x 6-8 persone):
400gr di farina di ceci
Acqua q.b.
Un cubetto di lievito
1 cucchiaio di maggiorana tritata 
Sale
Procedimento:
Preparare la pastella e lasciar riposare per qualche ora o anche tutta la notte in frigorifero. Friggere in olio alto, versandovi un cucchiaio di pastella per volta.
Noi li abbiamo mangiati caldi, ma quelli che erano avanzati, li abbiamo mangiati tiepidi il giorno sequente e trovo che sia ancora meglio, si esalta il sapore dei ceci.
Inoltre, accompagnati da qualche salsina delicata, anche solo una besciamella, aceto balsamico, oppure l’olio di una insalata di pomodori, trovo che li renda ancora più gustosi.

Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.