Zuppetta di Gamberi

-
zuppetta di gamberi
Finalmente in tavola.
“Amore oggi forse non sarai molto contento. Ho fatto una zuppetta, ma è di pesce”
Lui:”Sai che ormai ci sono abituato alle tue minestrine. Se non cucino io…”
E’ così che – già al secondo boccone – la zuppetta è entrata di diritto nel menù della Vigilia.
Il primo piatto – solitamente un classicissimo spaghetto con le alici – quest’anno
sarà scalzato da una inedita zuppetta di gamberi. Leggera e perfetta per non portare un ulteriore
carico di carboidrati alle “sole” 13 portate che sfileranno sulla tavola. D’altronde è così che la tradizione vuole.
Polpette di baccalà e baccalà arriganato, frittelle di verdure, insalata di polpo, carpacci vari e alici marinate. Vuoi far mancare anche 2 cozze gratinate o gli scampi al vapore?!
Tutto prima di arrivare ai dolci e alla frutta secca, sempre immancabili.
Alla fine, “quasi” senza rendermene conto, il tema “Menù di Natale” del contest del Consorzio della denominazione San Gimignano è calzato a pennello sulla ricetta pensata.
Quante possibilità ci sono che una creazione estemporanea, pensata addirittura per un contest, entri a tutti gli effetti nel menù della Vigilia?
Zuppetta di gamberi

Questo Natale quindi saprete cosa ci sarà sulla tavola di #casapep.

Vernacciadi San Gimignano Riserva Panizzi DOCG, abbinato alla mia zuppetta di gamberi.

Con la Vernaccia Panizzi è stato amore al primo sorso. Un vino elegante, morbido e fruttato che rientra perfettamente in tutto ciò che desidero da un vino bianco. Una piacevole scoperta per un vitigno di cui si sa davvero troppo poco.

 

Zuppetta di Gamberi

Ingredienti per 2 persone:
300 g di gamberi
una carota
una cipolla
2 pomodori pelati
uno spicchio d’aglio
un dito di brandy
olio extravergine d’oliva
sale
peperoncino
 
Procedimento: 
Pulite una parte di gamberi togliendo la testa e i gusci, che terrete da parte.
Tritate la cipolla e le carote e fatele rosolare in una pentola ampia con un filo d’olio e l’aglio. Quando la cipolla è trasparente unite anche le teste e i gusci dei gamberi, fateli rosolare rapidamente e poi sfumate con il brandy.
Coprite con acqua a filo e fate cuocere per circa 30 minuti, finché il sugo si addensa leggermente e i gamberi rilascino tutto l’aroma.
Togliete dal brodo le teste dei gamberi strizzandole bene e i gusci. Frullate tutte le verdure con il brodo.
Tagliate a fettine la polpa dei gamberi tenendone qualcuno intero per decorare e fateli rosolare in padella con un filo d’olio e il peperoncino.
Unite la polpa dei gamberi alla crema, dividete nei piatti e completate con un filo d’olio e il peperoncino tritato prima di servire.
Mentre la Vernaccia Riserva è perfetta per questo primo piatto, l’antipasto della Vigilia, inizierà con la Vernaccia Panizzi, sempre DOCG, abbinata alle polpette di baccalà. Un grande classico che per questa occasione saranno arricchite da un delicato profumo di limone offerto dalla scorza grattugiata  aggiunta direttamente nell’impasto.
Polpette di baccalà

 

English Version –  Shrimp soup

Ingredients: 
300 g of shrimp
a carrot
an onion
2 peeled tomatoes
a clove of garlic
half a glass of brandy
extra virgin olive oil
salt
chili pepper
Direction: 
Clean half of the shrimps removing heads and shells, which you need to take part.
Chop the onion and carrots and fry in a large pan with a little olive oil and garlic. When the onion is transparent add the heads and shells of shrimp, brown them quickly and then pour in the brandy.
Cover with water and cook for about 30 minutes, until the sauce slightly thickens and shrimp release the aroma.
Remove from the broth the shrimp heads and shells squeezing well. Puree the vegetables with broth.
Slice the flesh of whole shrimp keeping someone to decorate and brown them in a pan with a little olive oil and chilli.

Add the chopped shrimp to the cream, divide into the plates and complete with a little olive oil and crushed red pepper before serving.
Difficoltà
Media
Stampa ricetta
Condividi
Avete provato una mia ricetta?
Fatemi sapere com'è andata e mostratemi il vostro capolavoro taggandomi o usando l'hashtag
#lericettediterypep su INSTAGRAM, FACEBOOK o TWITTER.

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *